Pastiera Napoletana


Pastiera Napoletana

La Pastiera Napoletana

Un pò di Storia...

La Pastiera è uno dei dolci simbolo della tradizione napoletana in cui si incrociano le tradizioni familiari e la scuola pasticcera classica. Secondo una antica leggenda, nasce quando una volta sulla spiaggia le mogli dei pescatori lasciarono nella notte delle ceste con ricotta, frutta candita, grano e uova e fiori d'arancio come offerte per il Mare, affinchè questo lasciasse tornare i loro mariti sani e salvi a terra.
Al mattino ritornate in spiaggia per accogliere i loro consorti notarono che durante la notte i flutti avevano mischiato gli ingredienti ed insieme agli uomini di ritorno, nelle loro ceste c'era una torta: la Pastiera.
La versione odierna fu messa a punto in un antico monastero napoletano rimasto ignoto.
Comunque sia andata, ancor oggi sulla tavola pasquale dei napoletani questo dolce non può mancare.
Un'altra storia molto nota racconta di Maria Teresa D'Austria, moglie del re Ferdinando II di Borbone che, cedendo alle insistenze del marito famoso per la sua ghiottoneria, accondiscese ad assaggiare una fetta di Pastiera sorridendo per la prima volta in pubblico. Ferdinando, il più napoletano dei Borbone non si dece scappare la battuta: Per far sorridere mia moglie ci voleva la Pastiera, ora dovrò aspettare la prossima Pasqua per vederla sorridere di nuovo

Ingredienti la frolla

  • 3 uova intere
  • 500 g di farina
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di strutto

Ingredienti la farcia

  • 500 g ricotta
  • 400 g zucchero semolato
  • 400 g grano cotto
  • 5 uova intere
  • 2 rossi d'uovo
  • 130 g frutta candita
  • 150 ml latte
  • 50g burro
  • 1 fiala fior d'arancio
  • 1 limone
  • 1 arancia
  • 1 bacca di vaniglia

Preparazione:

Prima di tutto procuratevi del grano a chicchi, preferibilmente tenero, va bene anche quello duro. Lasciatelo in una terrina per 2 giorni e ricordatevi di cambiare l'acqua al mattino e alla sera. Poi scolatelo e sciacquatelo con acqua corrente e, quando è ben pulito, mettetelo a cuocere con abbondante acqua fredda.
Per comporre la pastiera il grano va rimesso a cuocere pe circa un 15 minuti con il latte, il burro e la buccia di limone, di arancio.
Frullate aparte la ricotta, lo zucchero, le uova intere più 2 tuorli, la bacca di vaniglia, il fiori d'arancio.
Lavorate il tutto fino a rendere l'impasto molto sottile.
Aggiungete una grattata di buccia di limone e i canditi tagliati a dadi. Amalgamate il tutto con il grano.
Prendete la pasta frolla e distendete l'impasto allo spessore di circa 1/2 cm con il mattarello e rivestite la teglia (c.a. 26 cm. di diametro) precedentemente imburrata, ritagliate la parte eccedente, ristendetela e ricavatene delle strisce.
Versate il composto di ricotta nella teglia, livellatelo, e decorate con strisce formando una grata che pennellerete con un tuorlo sbattuto.
Infornate a 160 gradi per un'ora e mezzo fincheegrave; la pastiera non avrà preso un colore ambrato.